Landing Usura conto corrente affidato Facebook

Troppi debiti finanziari mettono a rischio la tua attività?

Ottieni il rimborso interessi del fido e risana i debiti della tua impresa con ADifesa

Il supporto è gratuito, paghi solo le spese di pratica!

Il rimborso interessi del fido è semplice e veloce con ADifesa.

Tre contratti di fido su quattro presentano gravi irregolarità, e i nostri esperti sanno come scovarle. Risanare i debiti non sarà più un problema.

Ti risponderemo in meno di 48 ore.

Un problema enorme per le imprese

I debiti finanziari sono tra le prime cause di fallimento per le imprese italiane

Un fido bancario è uno strumento essenziale per le aziende, anche quelle di successo. Eppure, gli oneri finanziari quasi sempre mietono vittime: i debiti con la banca sono una delle cause principali di fallimento.

Il problema però non riguarda soltanto la cattiva gestione di soldi e debiti. Per quanto abili nel far quadrare i bilanci aziendali, molti imprenditori fanno fatica a sostenere i costi dei finanziamenti ottenuti.

E la colpa è spesso proprio delle banche. I tassi di interessi applicati alle linee di credito business sono infatti – sulla carta, almeno – parecchio vantaggiosi. A conti fatti, però, gli imprenditori pagano più di quanto dovrebbero. E finiscono per essere sommersi dai debiti finanziari.

Se gli oneri del fido bancario sono ormai ingestibili, potresti essere vittima di un tasso di interesse illegale.

E con ADifesa puoi ottenere giustizia.

Anatocismo bancario e altri illeciti

Ecco perché gli interessi applicati al tuo fido bancario sono illegali.

Per capire come funziona il meccanismo usato dalle banche per chiederti più soldi di quanto dovrebbero, utilizziamo un esempio facile facile.

Supponiamo che la tua azienda abbiamo usufruito di un fido bancario del valore di 10mila euro per almeno cinque anni. Nel contratto che hai sottoscritto, i tassi di interesse sul fido sono fissato al 10% sul prestito ricevuto.

Sai già che il conteggio degli interessi nel tuo fido bancario viene effettuato quattro volte l’anno, quindi ogni tre mesi. E sai anche che il tasso di interesse si applica sull’importo che hai effettivamente utilizzato.

Immaginiamo allora che tu abbia usato, in tre mesi, soltanto 2mila euro di quel plafond. A quel punto, i tassi di interesse da pagare corrisponderanno a 200 euro, per una totale da restituire pari a 2’200 euro.

Che cosa succede, allora?
Succede che tua banca – invece di richiederti direttamente la restituzione – ti addebita l’importo da saldare sul plafond, capitalizzando anche i tassi di interesse.

In altre parole, nel corso dei tre mesi successivi, sarai in debito con la banca di 2’200 euro. Solo che il nuovo conteggio degli interessi calcolerà una maggiorazione sull’intero importo da restituire.

In pochissimo tempo avrai un debito di 2’420 euro. Che salirà in tre mesi a 2’662 euro, e poi a 2’928 euro. E così via, per tutti i cinque anni della durata del fido.

Nell’arco di un solo anno, i tuoi interessi aumenteranno di 700 euro, e continueranno ad aumentare a cadenza trimestrale, per ogni anno del tuo contratto di prestito.

La banca che ti ha concesso il fido aumenta il valore degli interessi senza nemmeno fartene accorgere.

Per questo hai diritto al rimborso degli interessi.

Questo meccanismo si chiama anatocismo bancario, ed è una pratica illegale che molte banche ancora applicano. Una pratica che sfocia quasi sempre in tassi di interesse usurari – e illegali! – e che può risolversi soltanto con un ricorso stragiudiziale.

L’unica vera soluzione possibile è il rimborso interessi del fido

Che cosa vuol dire per te?

Con il rimborso interessi del fido puoi riavere indietro tutti i soldi che hai pagato in più – e senza rendertene conto! – mentre restituivi il prestito alla tua banca.

Parliamo di cifre importanti, quasi sempre a tre zeri, che hai pagato pensando che fossero interessi passivi legittimi e invece nascondevano un illecito.

Una recente stima ha dimostrato che almeno tre conti affidati su quattro mostrano irregolarità nel calcolo dei tassi di interesse. Irregolarità che hanno portato molti imprenditori a pagare cifre esorbitanti, mettendo spesso a rischio il rendimento dell’azienda.

Vuoi sapere di quali cifre stiamo parlando?
Considera che su 50mila euro di interessi pagati, almeno 20mila euro potrebbero essere illeciti. Invece di pagare solo 30mila euro di interessi, la banca te ne ha addebitati il doppio.

Con il rimborso degli interessi illeciti del fido ottieni i soldi che ti servono per gestire i tuoi debiti.

E riceverli è facile con ADifesa.

Vuoi riavere indietro i tuoi soldi?
Ottieni giustizia con l’aiuto di ADifesa

Una squadra di esperti bancari al tuo fianco

liquidità rimborso interessi fido

L’anatocismo bancario è difficile da individuare se non hai occhi esperti. In altre parole, solo i professionisti del settore bancario possono trovare certe irregolarità. E il motivo è semplice: la tua banca – nell’illecito – agisce con molta discrezione. Scoprirlo non è semplice.

Per riuscirci ti serve una perizia econometrica. Si tratta di una perizia professionale, che indaga sul conteggio degli interessi del fido accertandosi che siano legali.

Se siamo qui a parlarti di questo è proprio perché quasi mai gli interessi sul fido sono legali. Ricordi cosa abbiamo scritto prima? Tre conti correnti affidati su quattro presenta irregolarità. E i nostri esperti sono pronti a scovarli per te.

Ti presentiamo il METODO ADIFESA che ti fa accedere al rimborso interessi del fido in soli quattro step

1) Pre-analisi su documenti bancari

Il primo step ci aiuta a capire se un ricorso stragiudiziale può portarti al rimborso sperato. Prima avviare un riconteggio degli interessi, infatti, è meglio accertarsi che ci siano i presupposti per il rimborso. In questa fase, analizzeremo il contratto bancario e gli estratti conto.

2) Perizia econometrica sugli interessi

Se la pre-analisi dà esito positivo e ci autorizzi a procedere, lo step successivo è la perizia econometrica. Il documento che ne verrà fuori – redatto dai professionisti di ADifesa – sarà utilizzato per chiedere direttamente alla banca il tuo rimborso interessi.

3) Reclamo formale alla tua banca

Prima di agire per via stragiudiziale, i nostri esperti tentano di comunicare direttamente con la tua banca. Un reclamo formale – sostenuto da una perizia già realizzata – spesso ti fa risparmiare un sacco tempo, aiutandoti ricevere ancora più velocemente il rimborso.

4) Risoluzione controversia in via giudiziale

Se con un reclamo formale non è possibile ottenere il rimborso interessi, ADifesa seguirà – con il tuo consenso – la via dell’azione legale. E con il supporto di un team di avvocati esperti del settore bancario, l’esito positivo della causa civile è una certezza.

Pre-analisi, perizia econometrica, reclamo e ricorso sono gratuiti. Versi un piccolo contributo solo dopo aver ricevuto il rimborso.

Il supporto che ti danno i professionisti di ADifesa è gratuito fino a quando non ottieni il rimborso. Una scelta che ci rende orgogliosi, e che nasce dal desiderio di non gravare ulteriormente sulle spese della tua azienda.

Pensa che, in caso di causa civile in Tribunale, le spese richieste in anticipo da uno studio legale arrivano fino a 1’500 euro. Una cifra enorme per gli imprenditori che sono già in difficoltà.

La nostra associazione affronta tutti i costi al posto tuo, e ti permette di pagare soltanto una volta ottenuto il rimborso dalla banca.

Con il metodo ADIFESA non rischierai mai di pagare un servizio a vuoto. E se il ricorso non dovesse andare a buon fine, non avrai costi ingenti da affrontare.

Sono solo due le spese con cui potresti fare i conti, seppur in via del tutto eccezionale, prima di ottenere il
rimborso. Sono:
1.   i costi per accedere ai documenti bancari – che non sempre vengono richiesti;
2.   il contributo unificato e le marche da bollo – se si dovessero adire vie legali.

Parliamo però di spese piccole, di poche decine di euro, da affrontare in pochi casi. Cifre minuscole rispetto al cospicuo rimborso che la banca ti può concedere, e che per questo non fanno paura.

Ti presentiamo la nostra squadra

Chi sta dietro al metodo ADIFESA?
Un’associazione con anni di esperienza

ADifesa è un’associazione consumatori che opera nel settore bancario. Da 2017 tuteliamo privati cittadini e imprenditori italiani dalle irregolarità spesso presenti sui contratti di prestito o finanziamento.

Nella nostra squadra: professionisti del diritto bancario, avvocati, consulenti fiscali ed ex funzionari di banca che conoscono molto bene il modus operandi degli istituti di credito.

In questi quattro anni di intenso lavoro abbiamo aiutato migliaia di persone vittime di magagne bancarie. Le loro testimonianze, e i loro messaggi pieni di gratitudine ci spingono ogni giorno lottare con più forza contro le ingiustizie bancarie.

Collaboriamo con grandi Enti e Associazioni

logo lega consumatori

Testimonianze, recensioni, e tanta gratitudine

Leggi le parole di chi ha creduto in noi in questi ultimi quattro anni.

Non farti mettere in crisi dai debiti finanziari.

Fai controllare subito il tuo fido, e ottieni il denaro che ti serve per affrontarli.

Lavoriamo insieme ADifesa dei tuoi diritti.
Contattaci qui sotto per esporci il tuo caso.

    Quando preferisce essere contattato?
    Dichiaro di aver letto e accettato la Privacy Policy

    Associazione ADifesa